background image

Archivio per il tag: io faccio così

L’ultimo socialdemocratico

Chi si ricorda Longo?

Longo. Dai! Quello con una montatura di occhiali che era una definizione. Non governavi se non avevi 3 chili di bachelite appoggiata sul naso.

No? Dai… il pentapartito?…
Vabbè… secondo me dovreste ricordarvelo… vi sembrerebbero meno strani alcuni personaggi attuali. Ed evitereste gli occhiali da hipster.
Fatto sta che io, da piccolo, ho sempre identificato con Longo una nuvola grigia di indefinitezza. Né carne né pesce.
Un paio di occhiali.

E’ armato di questa consapevolezza di me stesso e di quello che stiamo facendo qui a Lessolo (e dintorni) che accetto l’invito di Daniel.

Si perché, nonostante tutto, ci sentiamo vagamente la socialdemocrazia del cambiamento.
Cambiamo e cerchiamo di cambiare il mondo che ci circonda ma… non se ne accorge quasi nessuno, ogni tanto neanche noi. Eppure cambia.

Siamo un po’ fricchettoni ma non inseguiamo le scie chimiche.
Siamo un po’ piccolo-borghesi ma ce ne freghiamo degli status.
Abitiamo in una casa di paglia naturale ma siamo generatori di onde elettromagnetiche.
Ci piacciono le merendine confezionate ma coltiviamo cibo di alta qualità.
e… si… io fumo come una ciminiera mentre bevo pessimo caffè a garganella…
Quest’ultima l’ho inserita dopo 10 anni a sentirmi ripetere: ‘ma come? fai agricoltura naturale e fumi?’.
Ve lo dico subito: è la (finta) domanda più stupida del mondo e, in 9 anni di OrtodiCarta, ha assunto la forma di un memento iniziando a scatenarmi reazioni degne di un vegano quando gli propongono la frittata perché non è carne…

Fatto sta che, armato della consapevolezza di essere solo un nerd con le scarpe infangate il 1 Aprile sarò a Torino al Circolo dei Lettori per la presentazione di Daniel del suo libro ‘Io faccio così‘.
Ci si vede la.
(non è uno scherzo :) )

1 APRILE 2014

Presentazione del libro:

IO FACCIO COSI’

di e con Daniel Tarozzi

Circolo dei Lettori via Bogino 9 – ore 21.00

Chi siamo… raccontato dagli occhi di un altro

Chi ci conosce, sa già chi siamo.
Affermazione del gusto lapalissiano ma, quasi, vera.
Quasi‘ perché ho delle difficoltà io stesso a capire dove ho messo i piedi la mattina presto, prima del caffè. Dopo il caffè, tendenzialmente, non mi pongo più il problema essendo riuscito ad arrivare in cucina.

Per chi non ci conosce, sarebbe troppo facile raccontarci.
Magari stiamo chiusi in una soffitta di Malindi a scolarci birra calda e ci stiamo inventando tutto… chi lo sà?!
Questa è pur sempre internet: al 70% pornografia, al 20% gattini buffi ed un 10% di informazione di cui, buona parte, dedicata ai rettiliani (io, per non sbagliare, abuso del 100% di tutto quanto… le immagini di amplessi perversi tra gattini con la coda di lucertola sono le mie preferite)

Ma poi, forme di vita intelligenti, partono a caccia.
Girano, ascoltano, raccolgono e selezionano. Bibliotecari di esistenze.
Esistenze che raccontano così, come loro le hanno viste.
Il che, dal mio punto di vista, è sempre un po’ imbarazzante… c’è gente che si ricordava di una mia chioma fluente. Inoltre, dimentico sempre di vestirmi ‘per l’occasione‘ facendomi sorprendere in mise imbarazzanti…

Daniel Tarozzi è uno dei bibliotecari.
Ora, Chiarelettere, ha pubblicato la sua raccolta, i suoi diari di viaggio, in un libro ‘Io Faccio Così

E, quindi, ecco chi siamo. Raccontato da Daniel.
(e per una volta è Noemi ad aprire le danze!)

Io faccio così #2:
Nicola e Noemi, dalla città alla permacultura

Ed eccoci pronti con la nostra seconda storia. La settimana scorsa vi abbiamo raccontato di un imprenditore marchigiano, Enrico Loccioni, che con la sua impresa riesce anche in tempi di crisi a fare profitto, assumere collaboratori e costruire un legame sempre più profondo con il territorio. Stavolta vi presentiamo un’esperienza profondamente diversa e una scelta di vita un po’ più estrema (almeno secondo i canoni della società contemporanea). Non meravigliatevi se il salto è lungo: è bene che vi rendiate conto fin da subito della varietà, ricchezza, complessità che caratterizza questa Italia “altra” e silenziosa, in fermento culturale, sociale, economico…

Qui potete leggere l’intero articolo con immagini varie.